Accesso ai servizi



Il Novecento

Molto si potrebbe dire del secolo che chiude questo millennio e di tanti eventi storici esistono ancora testimoni diretti che tante volte ci hanno raccontato soprattutto le vicende più tragiche e tristi degli ultimi decenni. Volendo ricordare altri fatti più lontani nella memoria possiamo partire dalla lunga e complessa storia della Lega dei contadini e dei circoli socialisti a Lessona: vicende che testimoniano attraverso i documenti rimasti di come i nostri antichi compaesani furono attenti alle ragioni più profonde dell’impegno politico sindacale a favore dei braccianti agricoli o degli operai delle prime industrie, e dei grandi temi della politica del primo Novecento. Sono queste sicuramente le radici da cui nacque l’impegno di tanti lessonesi attivi nella pubblica amministrazione tra i quali il più conosciuto è quell’Enrico Monti, sindaco di Lessona dal 1912 al 1922, fervente socialista anticlericale passato alla storia per il suo fermo rifiuto al regime fascista. Ma parallelamente a queste genuine e passionali ispirazioni sociali se ne svilupparono altre che portarono altre persone, di diversa convinzione ed esperienza, ad occuparsi della cosa pubblica e del nostro paese: le radici cattoliche che ebbero sicuramente il loro miglior e più sapiente cultore in Monsignor Delfino Maggia che tanta parte ebbe nelle vicende locali dal 1922 fino al dopoguerra ed oltre. Si dipana così la storia del nostro Novecento: accanto alla costante del lavoro nelle vigne o nelle fabbriche le vicende del Comune, del paese e delle sue frazioni spesso ferocemente in lotta fra di loro guidate dai loro rappresentanti nel Consiglio comunale impegnati nel portare avanti le ragioni dei loro elettori frazionisti tante volte schierati su posizioni difficilmente conciliabili tra loro. Appaiono così chiare e spiegabili molte delle ragioni che ancora oggi ispirano ragionamenti e comportamenti dei Lessonesi e nulla vi è di meglio che rileggersi le pagine, anche della storia più recente, per comprendere le vicende di oggi. Questo secolo, tralasciando i momenti tristi delle guerre o quelli più meritori dell’ultima lotta partigiana, vogliamo ricordarlo come quello in cui si affermarono le istituzioni più importanti a cominciare dalle scuole, che ebbero la loro splendida collocazione nel 1939 insieme al nuovo Municipio, ed all’Asilo infantile. Quest’ultima istituzione nacque e si consolidò proprio a cavallo dei due secoli e soprattutto grazie all’impegno benefico di tanti Lessonesi che impararono ad usare il tempo ed il divertimento per il nobile scopo di istituire una scuola per i più piccoli. Ed è proprio con i più piccoli, che meglio di noi attraverseranno il prossimo millennio, che abbiamo voluto chiudere questa storia.